Garanzia a prima richiesta

Garanzia a prima richiesta

Garanzia a prima richiesta

Con il termine garanzia a prima richiesta si intende una promessa di pagamento da parte di un soggetto (garante) per ordine e conto di un Ordinante a favore di un terzo (beneficiario) contro semplice richiesta scritta da inoltrarsi entro una determinata data (scadenza).

Questo tipo di impegno, pur se chiamato in vari modi nei contratti internazionali (bond, guarantee, security, demand guarantee, lettera di credito stand-by ) sostanzialmente assolve sempre alla funzione tipica di un deposito cauzionale in contanti cioè di fornire al beneficiario un facile e veloce accesso ad un risarcimento monetario in caso di inadempienza della controparte (ordinante).

NATURA LEGALE

La garanzia a prima richiesta si differenzia nettamente dalla fideiussione così come regolata dagli articoli del Codice Civile. Per la legge italiana la fideiussione è una obbligazione accessoria prestata da un terzo per garantire una obbligazione principale. Quindi l’efficacia della fideiussione si esplica soltanto dopo che l’obbligazione principale è riconosciuta valida ed esigibile.

Al contrario la garanzia a prima richiesta è una obbligazione autonoma del garante e la sua efficacia si esplica con la semplice richiesta da parte del beneficiario, indipendentemente dall’esistenza di una inadempienza o irregolarità di un eventuale rapporto contrattuale collegato. Occorre tuttavia notare che molte legislazioni nazionali impongono limiti a questo “sganciamento” della garanzia a prima richiesta dal contratto commerciale sottostante, soprattutto in caso di frode o di forza maggiore.

Verso una regolamentazione comune

Grazie alla pressione del mondo degli operatori commerciali e delle banche la Camera di Commercio Internazionale (CCI), dopo vari tentativi falliti, è pervenuta recentemente alla pubblicazione (Brochure n.458 – Uniform Rules for Demand Guarantees URDG) di un testo normativo accettato da gran parte degli Stati aderenti. Questa normativa tuttavia non risolve tutti problemi derivanti dalle differenze tra i vari ordinamenti giuridici ma – se richiamata specificatamente nel testo delle garanzie – costituisce una integrazione della volontà negoziale delle parti ed aiuta a dirimere gran parte delle possibili controversie.

Utilizzo

Le garanzie a prima richiesta sono usate nei contratti di appalto e/o di forniture multiple di beni e/o servizi.

In questo tipo di contratti viene usato il credito documentario per garantire al Venditore/Appaltatore il pagamento del prezzo da parte del Compratore/Appaltante, mentre la g.a.p.r. è inserita per salvaguardare il Compratore/Appaltante dai rischi derivanti da inadempienze contrattuali del Venditore/Appaltatore.

Tipologia

Le g.r.a.p.r. si differenziano a seconda del tipo di situazione contrattuale che garantiscono. Ecco qui di seguito alcuni fra i principali tipi di garanzia:

  • Garanzia dell’offerta (bid-bond o Tender guarantee)

Viene emessa in occasione della partecipazione a gare di appalto nella misura (solitamente) del cinque per cento dell’ammontare dell’appalto. Se la gara viene aggiudicata ed il vincitore non ottempera all’obbligo di sottoscrivere il contratto, l’appaltante escuterà la garanzia come risarcimento delle spese di indizione di una nuova gara e di eventuale maggior costo di aggiudicazione.

  • Garanzia di rimborso di un anticipo (Advance Payment Bond)

I Contratti di appalto spesso prevedono il pagamento anticipato di una parte del prezzo a favore dell’appaltatore/fornitore per consentire a quest’ultimo di affrontare le spese connesse all’approntamento della fornitura (es. acquisto materie prime, macchinari, studi preparatori, ecc.). La restituzione di questo anticipo è l’oggetto di questa garanzia.

  • Garanzia di buon adempimento (performance Bond)

Garantisce la corretta esecuzione della fornitura dal momento dell’aggiudicazione fino al momento del collaudo definitivo. È di solito di importo percentuale (10, 15 percento) sull’ammontare della fornitura e copre i danni derivanti da una mancata o incorretta esecuzione della stessa.

fav_cm

Debiti ed attività d’impresa

marzo 24, 2012 | Cauzioni e Fideiussioni | Comments (0)

Debiti ed attività d’impresa

Debiti ed attività d’impresa – il fondo patrimoniale Ogni attività d’impresa presenta necessariamente dei rischi. Il capitale investito può produrre un guadagno, ma anche subire delle perdite, e ciò rientra nel concetto stesso di rischio d’impresa. L’imprenditore, però, ha a propria

[ read more ]

Debiti e recupero crediti

marzo 24, 2012 | Cauzioni e Fideiussioni | Comments (0)

Debiti e recupero crediti

Debiti e recupero crediti – cose che succedono quando non si seguono le procedure consigliate Innanzitutto deve accertarsi che il soggetto a cui effettua i pagamenti sia legittimato alla riscossione del debito. Occorre dunque che le venga trasmessa copia conforme della documentazione attestante l

[ read more ]

Sintesi normativa per accettazione confidi

marzo 24, 2012 | Cauzioni e Fideiussioni | Comments (0)

Sintesi normativa per accettazione confidi

Sintesi normativa per accettazione confidi I Confidi operanti in Italia, erano tenuti all’iscrizione ai sensi dell'art. 155, comma IV, del vecchio T.U.B. (D.Lgs. n. 385/1993) nell'apposita sezione dell'elenco generale. L’art 155 comma IV citava “...I confidi, anche di secondo grado, sono isc

[ read more ]

CM Consulting di Carmelo Migliore  – Intermediazione Assicurativa
Data iscrizione 24 gennaio 2013– IVASS E00437237.

 Via Plinio 22–Pomezia (Roma) – C.A.P. 00071- MOBILE: 328 6382612
Sito: www.cm-consulting.info Mail: info@cm-consulting.info - Legalmail: carmelo.migliore@legalmail.it
P.Iva 14416401009 - C.F mgl cml 71m25 l219s.- Numero REA RM – 1519347

fav_cm

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

To use reCAPTCHA you must get an API key from https://www.google.com/recaptcha/admin/create